Link utili

Convenzione sulla diversità in biologia. Nazioni Unite 1992. Tutto inizia da qui.

Convention on biological diversity. Sito web.

Cosa sono le biotecnologie applicate agli alimenti? Da University of California, Davis.

Alimenti e mangimi geneticamente modificati. Da Commissione europea.

Report UNU-IAS su alimenti e biotecnologie.

University of Arizona. Brochure.

Consultazione FAO/WHO del 1996.

Biotecnolgie e trasformazione degli alimenti nei paesi in via di sviluppo. Documento FAO del 2010.

Biotecnolgie e sicurezza alimentare (intesa come cibo per tutti e non come food safety) nei paesi in via di sviluppo.

Guida per la comunicazione dell’argomento “biotecnologie”. Per esperti. Da International Food Information Council Foundation. Aprile 2013.

Alimenti Halal e biotecnologie.

Piante transgeniche e geni marker (antibiotico resistenza). Da Food and Drug Administration.

Uso di marcatori dell’antibiotico resistenza.


Orario delle lezioni 2016-2017

Fare clic qui


Programma

Secondo la definizione del Codex Alimentarius le moderne biotecnologie sono definite come l'applicazione di

(i)              tecniche in vitro sugli acidi nucleici, tra cui il DNA ricombinante e l’iniezione diretta di acido nucleico nelle cellule o negli organuli cellulari,

(ii)              la fusione di cellule oltre l’appartenenza tassonomica, che supera le naturali barriere riproduttive e ricombinanti (tecniche non usate nella tradizionale selezione e allevamento)

Questa materia si concentra sull'applicazione delle moderne biotecnologie (soprattutto il DNA ricombinante) agli organismi utilizzati per produrre cibo.

L'applicazione delle moderne biotecnologie per la produzione di alimenti presenta nuove opportunità e sfide per lo sviluppo e la salute umana. La tecnologia del DNA ricombinante a livello di geni, il più noto esempio di moderna biotecnologia, consente di modificare geneticamente piante, animali e microrganismi con nuovi tratti oltre le possibilità dell’allevamento tradizionale e della selezione. Tecniche quali la clonazione, l’uso di colture cellulari e l’allevamento basato su marker (il cosiddetto marker-assisted breeding) sono spesso incluse tra le biotecnologie oltre alle modificazioni genetiche.

L'inclusione di nuovi tratti di DNA potenzialmente offre maggiore produttività in agricoltura, una migliore qualità e superiori caratteristiche nutrizionali e di trasformazione, che possono contribuire direttamente a potenziare lo sviluppo e la salute umana. Da un punto di vista della salute, ci possono essere anche benefici indiretti, come la riduzione nell'utilizzo di sostanze chimiche in agricoltura, una maggiore redditività, sostenibilità delle produzioni e aumentata sicurezza alimentare (intesa come disponibilità di cibo e non come traduzione dall’inglese di food safety, ossia cibo sicuro dal punto di vista igienico-sanitario), in particolare nei paesi in via di sviluppo.

I nuovi tratti di DNA in organismi geneticamente modificati (OGM o GMO in inglese) possono anche, tuttavia, essere la causa di potenziali rischi diretti per salute umana e per lo sviluppo. Alcuni geni e tratti di DNA usati negli OGM in agricoltura sono del tutto nuovi e non danno garanzie per un uso alimentare scevro da rischi. Diversi paesi hanno prodotto linee guida o fonti del diritto per rendere obbligatoria la valutazione del rischio prima dell'immissione di alimenti geneticamente modificati sul mercato. Anche a livello internazionale esistono accordi e standard per affrontare in maniera uniforme simili preoccupazioni dei consumatori

Gli OGM possono anche compromettere indirettamente la salute umana, tramite effetti dannosi sull'ambiente, o attraverso un impatto negativo su economia e aspetti sociali e etici.

Tutto ciò deve essere affrontato con considerazioni di tipo costo/beneficio soprattutto in rapporto ai rischi che possono derivare da cibi che non sono stati modificati geneticamente. Ad esempio anche nuove colture, originate da procedure tradizionali di selezione, possono avere impatto positivo o negativo sulla salute umana e sull’ambiente.

1.     Uso, ricerca e procedure per lo sviluppo di alimenti prodotti con le moderne biotecnologie (produzione di starter microbici ottenuti da modificazioni genetiche, ottimizzazione delle condizioni di fermentazione, immobilizzazione di microrganismi ed enzimi, coltura di cellule eucariotiche per produrre enzimi, biomasse proteiche e metaboliti, applicazione di trattamenti enzimatici in processi di trasformazione)

2.     Pericoli connessi all’uso di OGM e alimenti GM sulla salute umana e sull’ambiente

3.     Fonti del diritto e profili normativi nazionali e internazionali

4.     Alimenti GM e sicurezza alimentare

5.     Aspetti etici e sociali

 

Libri di testo 

1)     Improving nature. The science and ethics of genetic engineering. M.J. Reiss & R. Straughan. Cambridge University Press, Cambridge, UK. 2002

2)     Eat you genes. S. Nottingham. Zed Books Ltd, London, UK. 2003

3)     Molecular genetics of bacteria. J.W. Dale. John Wiley & Sons Ltd. Chichester, UK, 2010

4)     Instant notes in molecular biology. P.C. Turner, A.G. McLennan, A.D. Bates & M.R.H.  White. Bios Scientific Publisher, Liverpool, UK. 2005

© Beniamino T. Cenci Goga 2013